Benvenuto!
Di seguito trovi le Norme Redazionali di OsservArcheologiA che ti chiediamo di seguire per la redazione dei tuoi articoli

 

1 – Per quanto riguarda l’argomento da trattare:

le tematiche sono: Archeologia, Arte e Storia, suddivise per  “categorie”, quali:
– OsservA: articoli redatti attraverso le fotografie purché siano scattate personalmente dall’autore così da creare un racconto per immagini. Si richiedono un minimo di 3 immagini per articoli e una breve introduzione.
– Guide: uno scritto specifico su un unico e determinato argomento, come ad esempio: la scultura  greca; la ricognizione; l’analisi di un’opera d’arte o di un sito archeologico o di un monumento; eccetera;
– Eventi & Recensioni: l’annuncio di un evento culturale (mostra, convegno, conferenza, visita guidata, eccetera) e/o la descrizione critica, e quindi, la recensione, dell’evento al quale magari hai preso parte personalmente o semplicemente possiedi materiale per farlo;
– Curiosità: argomentazioni interessanti che sono poco conosciute al pubblico e…quindi, indice di curiosità!
– Racconti: racconti di vita vissuta ed esperienze personali nel campo dei Beni Culturali;
– English Version: gli articoli pubblicati in tutte le altre categorie ma tradotti in lingua inglese.

2 – Il corsivo
 Va utilizzato:
– per le parole che non sono di uso comune e quindi, riportate nel Glossario (vd. Punto 4)
– per le citazioni
– per le parole in altra lingua.

3 – Note
E’ possibile inserire le note a fine articolo.

4 – Glossario
Riporta un glossario qualora siano stati impiegati termini che non sono di uso comune, ad esempio Decumano, lekythos, calidarium, opus incertum, eccetera.
Tutti questi termini che non sono di uso comune, vanno sempre riportati in corsivo nel corpo del testo, invece nel glossario saranno solo in grassetto.
Accanto alla definizione andrà riportata la fonte.
Esempio ↓
Glossario:
Opus Incertum:
termine archeologico usato per designare un sistema di costruzione che si presenta all’esterno sotto forma di un paramento a blocchetti di pietra (Enciclopedia Treccani)
Se la fonte è presa dal web allora andrà inserita in questo modo:  (Fonte: insersci il link in questione)

5 – Bibliografia
Riporta a fine articolo, i testi consultati per scrivere il tuo pezzo o quanto meno, qualche indicazione bibliografica in merito all’argomento trattato.

6 – Sitografia
Riporta a fine testo anche eventuali fonti web consultate, in questo modo: Sitografia: metti il link per esteso

7 – Informazioni aggiuntive
Si tratta di ulteriori informazioni, come ad esempio il link di riferimento al sito del museo e simili; video; data di scadenza di un determinato evento, eccetera.

8 – Immagini
Non utilizzare immagini prese dai social network poiché spesso sono inaffidabili.
Vanno numerate progressivamente, esempio:  Fig. 1.
Le immagini vanno sempre corredate da una brevissima didascalia con la fonte tra parentesi.

Ti spiego meglio come:

  • Se inserisci fotografie che hai scattato personalmente,  ti basterà riportare a fine didascalia il tuo nome e cognome preceduto da “Ph” (abbreviazione di photographer), esempio: (Ph. Nome e Cognome)
  • Se si tratta di immagini di Associazioni, Ministeri, Enti, eccetera, vanno riportati a fine didascalia tra parentesi, esempio: (Courtesy of MiBACT)
  • Se inserisci immagini prese da libri, riviste, e simili, vanno riportati a fine didascalia tra parentesi come da Bibliografia al punto 5.
  • Se si tratta di immagini prese da “Google Immagini”, a fine didascalia riportare tra parentesi “dal web”, esempio: (dal web).
  • Ma attenzione! Bisogna conoscere il tipo di licenza attribuita all’immagine che hai scelto, quindi:
    1) apri Google
    2) digita nel motore di ricerca cosa vi serve
    3) clicca su “Immagini” → A questo punto ti si aprirà la pagina con tutte le immagini corrispondenti alla tua ricerca
    4) clicca su “Strumenti”
    5) clicca su “Diritti di utilizzo” e spunta ✓ “Contrassegnate per essere riutilizzate con modifiche” oppure → ✓ “Contrassegnate per essere riutilizzate”

 

Ti lascio anche il link da Google con le info nel dettaglio:https://support.google.com

  • Se si tratta di immagini prese da altri siti web o da altri motori di ricerca, fai molta attenzione anche qui perché puoi utilizzare solo quelle immagini che hanno la licenza che te lo consentono, ovvero immagini con “licenza Creative Commons”.
    Ti lascio un link di riferimento con tutte le info nel dettaglio: https://it.wikipedia.org/wiki/Licenze_Creative_Commons
    invece, qui di seguito trovi una sintesi dettagliata estrapolata dal suddetto link: https://creativecommons.org/licenses

_________________________________________________________________________________________________________

 

Dunque, riepiloghiamo con uno schema, l’impaginazione da seguire per la stesura del tuo articolo:                   

a).  Titolo: scritto in minuscolo e grassetto – No Stampatello No Sottolineato –
b).  Testo (vd. Punti nn. 1, 1.1, 2)
c).  Galleria immagini
d).  Note
e).  Glossario
f).   Bibliografia
g).  Sitografia
h).  Info aggiuntive

 

 Ricorda che:
– il testo deve essere inviato in formato Word
– le immagini devono essere inviate come allegato alla mail e in formato jpeg
– i video devono essere inviati come allegato alla mail
e che l’indirizzo mail per l’invio del materiale è info@osservarcheologia.eu

 

Inoltre, è importante sottolineare che OsservArcheologiA non costituisce una testata giornalistica per cui gli autori dichiarano di possedere la proprietà intellettuale degli articoli e sono gli unici responsabili a dover rispondere in merito ad eventuali controversie per la violazione dei diritti di copyright.
Non verranno prese in considerazione immagini copiate da testi e/o scaricate da altri siti e motori di ricerca.
Si consiglia di evitare immagini con presenza di persone per motivi di privacy.
Non sono consentiti insulti o atteggiamenti palesemente ostili.
L’utente è responsabile del proprio contenuto e risponderà di qualsiasi violazione alle leggi sul diritto d’autore e di ogni altra violazione delle norme vigenti.
È ovviamente consentito inserire riferimenti ad altri siti, iniziative, prodotti, purché nel palese rispetto di uno spirito redazionale e ai fini di pura comunicazione.
I contenuti rimangono di proprietà dell’autore, che compare come tale, e ne è comunque vietata la riproduzione senza consenso da parte di terzi, ma l’autore autorizza il sito a diffondere tali contenuti, a semplice scopo editoriale e divulgativo.

 

 

Grazie per la collaborazione!