Oggi ho visitato questa mostra con mio marito…Appena sono entrata ho notato subito l’accuratezza dell’allestimento e la cordialità  delle guide (volontari presumo) che raccontavano con una sentita emozione, le vicissitudini degli “ebrei romani”.

A noi si è avvicinata una donna fantastica: sembrava ci conoscesse da una vita! Lei ha vissuto quel brutto periodo ma ci teneva a precisare che bisogna sdrammatizzare e che la storia “vissuta”, come nel suo caso, va raccontata attraverso gli aneddoti che l’hanno caratterizzata perché solo così ti rimane bene impressa, specie nei ragazzi delle scuole.
Ciononostante, aveva gli occhi lucidi ma era fiera di essere lì a parlare con i visitatori della mostra…Ci ha detto che questo lo deve a qualcuno, cioè che quel fatidico giorno, il 16 ottobre, lei e la sua famiglia sono state salvate. Infatti, ci ha raccontato che sono riusciti a scampare alla deportazione perché nell’elenco delle strade da rastrellare, la sua non era segnata, o meglio c’era stata una correzione a penna. Per lei non è stato un evento fortuito bensì un aiuto da parte di qualcuno: così le piace pensare e soprattutto credere.

Quando stavamo per salutarci siamo rimasti ancora a chiacchierare con lei vicino all’uscita…un po’ come fai quando vai a cena da amici e dopo una serata intera continui a parlare ininterrottamente sul pianerottolo…
Con lei è stato così…In quel momento abbiamo scoperto di avere origini comuni: il papà era campano come me ed è stato lui a scegliere il loro falso cognome, mossa indispensabile per “sopravvivere”.

Ci ha salutati dicendo: “spero vi ricorderete di questa mostra e di me”. Ed è stato così!
Del resto come puoi dimenticare una persona che ha “vissuto” così intensamente, passionalmente, la propria vita tanto da essere capace poi di leggerti dentro? …

Grazie mille per l’emozione che mi hai donato”Silvia V.“…questo il tuo falso nome…

___

Fino al 15 gennaio 2017  presso Casina Vallati
via Portico d’Ottavia, 29 Roma
Orari:
dalla Domenica al Giovedì dalle ore 10.00 alle ore 17.00
il Venerdì dalle ore 10.00 alle ore 13.00
Ingresso Libero

Ulteriori informazioni Clicca Qui

RIPRODUZIONE RISERVATA ©OsservArcheologiA

Lascia un commento